Definizione
 
l’obesità è definita un eccessivo accumulo di grasso corporeo e rappresenta uno dei più importanti problemi di salute a livello mondiale sia perché la sua prevalenza è in costante aumento sia perché è un importante fattore di rischio per le gravi malattie croniche e che la pongono al quinto posto come fattore di rischio di morte globale. Recenti stime mostrano che circa 2,8 milioni di morti per anno dipendono in Europa da cause associate all’obesità.
La misurazione del grado di adiposità nei bambini è più difficile che nell’adulto. Per quest’ultimo si utilizza BMI (indice di massa corporea) che si ottiene dividendo il peso espresso in kg per l’altezza espressa in metri, elevata al quadrato. Il valore di BMI è correlato ai depositi lipidici. Valori fra 25 e 30 significano un sovrappeso, mentre se questo indice è superiore a 30, il paziente viene definito obeso. Nell’infanzia poiché il valore del BMI è variabile in rapporto all’età e al sesso, esso viene calcolato in rapporto ai percentili di crescita. Bambini con percentile maggiore di 95 vengono considerati obesi.